Se Hart va via, torna in auge il nome di Skorupsky. E Padelli…

Hart-Padelli
Dopo la gara col Crotone anche Cairo non è stato tenero con il portiere.

«Cerchiamo di parlare meno di lui perché da quando è sulla bocca di tutti prende qualche rete di troppo: è un grande portiere ed è professionista impeccabile, le reti le prendono tutti ma spiace perché non è la prima volta che prendiamo gol così »

Questo il commento del Presidente che certamente non ha garbato il pareggio casalingo a causa di una papera del portiere inglese.

C’è afferma, che sia una forma velata di allontanamento dall’orbita granata, ma crediamo non siano necessari sotterfugi di questo tipo per evidenziare ciò che al momento è chiaro come la luce del sole, ovvero che il futuro di Joe sia purtroppo lontano da Torino. Salvo miracoli.

Hart ha espresso il desiderio di rimanere al Torino, ma il suo futuro granata è appeso a un filo.

Difficile il rinnovo del prestito, anche se Hart se giocherà in Premier la prossima stagione

non sarà comunque al Manchester City.

Il Toro da parte sua si è già cautelato tanto che sabato nel pre partita il probabile erede di Hart è sceso in campo nella fase di riscaldamento. Vanja Milinkovic Savic, fratello minore del centrocampista della Lazio, è arrivato una settimana fa e si allena coi nuovi compagni ma per questa stagione non può scendere in campo in gare ufficiali.

Mihajlovic vuole testare il portiere ingaggiato a gennaio per 2,5 milioni di euro dal Lechia prima della fine della stagione tanto che sono in programma un paio di amichevoli per il «Donnarumma serbo», come è stato ribattezzato. Sul taccuino granata resta però in auge il polacco Skorupski, proprietà Roma ma in prestito all’Empoli.

Il Toro con i giallorossi ha già un accordo di mercato raggiunto a gennaio, opzione da far valere nel caso si ritenga che il giovane gigante serbo sia ancora acerbo per difendere la porta granata.

Per nulla deciso anche il futuro di Daniele Padelli il cui contratto per ora è scaduto e sarebbe già libero di accasarsi altrove. Il Toro attente e anche Daniele che non ha alcuna fretta di decidere. Per ora.

Padelli nonostante sia tornato ad essere il secondo portiere, sta bene al Toro e non disdegnerebbe affatto l’idea di restare. Magari facendo da chioccia al giovane Savic.

Nel frattempo è spuntata l’ipotesi Inter. I nerazzurri a fine stagione saluteranno Carrizo e Padelli sarebbe stato individuato come possibile erede dell’argentino nel ruolo di secondo di Handanovic che, nonostante alcune voci che lo vorrebbero lontano dall’Inter, dovrebbe restare.

Lascia il tuo commento

1 Commento su "Se Hart va via, torna in auge il nome di Skorupsky. E Padelli…"

Segnala

Ordina per:   Più recenti | Più vecchi | Più votati
Member
sandro
3 mesi 28 giorni fa

Forse farò un discorso troppo semplicistico, ma se il futuro di Hart sarà (come probabile che sia) lontano da Torino, non mi preoccuperei troppo. Al suo arrivo ritenevamo (o almeno io) che si fosse unito alla nostra compagine una vera e propria saracinesca. Che le sue qualità siano indubbiamente superiori a quelle di Padelli è cosa certa. Ma almeno per quanto mi riguarda il livello da lui espresso durante questo campionato non mi mare all’altezza delle aspettative. Questo spiegherebbe meglio anche il perchè del suo “accantonamento” nelle file del City. Essere portiere da cosi lungo tempo della nazionale (inglese) di… Read more »

wpDiscuz